MOSTRA CONTROLUCE E LOGO PALACONGRESSI

Nel 2003 Lodola decise di declinare una tappa della mostra Controluce proprio a Riccione con un viale dedicato all’esibizione delle sue opere luminose, bozzetti, disegni e opere in perspex sagomate e dipinte in smalto.
Inoltre nacque l’idea di progetto chiamato “Reperti di luce” che racchiudeva la definizione del logo del nuovo Palacongressi e una installazione sul cantiere dell’edificio in progress.
L’idea relativa all’installazione venne dal fatto che Riccione, priva di un passato storico-archeologico, potesse trovare tracce di futuro proprio negli scavi per la costruzione del nuovo edificio.
Fu creato un pozzo con copertura in vetro con  alcuni simboli archetipici come una mano, un volto e un cuore che rappresentassero un futuro ritrovato attraverso la luce. Materiali a connotazione e uso normalmente industriale e rideclinati in chiave artistica. I resti di un futuro ritrovato sullo sfondo di un pozzo di luce e accanto a un racconto esplicativo “Tracce del futuro anno 3.000″.
Durante i lavori di costruzione del Palazzo il pozzo è stato purtroppo demolito.

Materiale grafico: fondale per conferenza stampa di presentazione del Palazzo di Congresso di Riccione | elaborazione grafica Èdita-Rimini